Onda Calabra

Oggi mi sono svegliato bellicoso (anche se ancora mi sa che non mi sono realmente svegliato).

Ieri commentando il post di una mia amica sulla mancanza di acqua a Messina ho cominciato a riflettere sulla mia terra e sulle condizioni in cui versa.

Innanzitutto partiamo da un presupposto,  amo la Calabria e sono fiero di essere reggino tanto quanto odio alcune razze di calabresi.

So che sono andato via più di una volta, ma io non credo di far testo poiché in realtà non scappo da Reggio ma dalla noia; sono un nomade, un gitano che amo viaggiare, vedere posti e  dopo un pò che sto fermo  in un luogo ho la necessità di cambiare.

Nonostante  tutto provo a tener alto il nome della mia terra ovunque vada ed a chi mi chiede dove sono nato rispondo fiero, a Reggio Calabria!

Ciò detto iniziamo il conflitto armato, lo faccio partendo da un presupposto, io odio ogni politico a prescindere dal partito; sappiamo tutti benissimo che una delle rovine del nostro paese, così come della mia Regione e soprattutto della mia amata Reggio è la classe politica, io però voglio andare oltre…..tolti i politici la rovina di ogni posto, siamo noi!

Tante volte vedo le lamentele della gente, verso la classe politica, verso i media o magari verso le istituzioni….sono solo delle semplici scuse, reali per carità,  ma restano comunque uno specchietto per le allodole; in fondo dicendo che i politici sono dei ladri mangiatari non si scopre certo l’acqua calda.

Piuttosto parliamo di noi, parliamo di case costruite abusivamente ad esempio, a Reggio  non mancano di certo eppure i proprietari di queste abitazioni si lamentano di tutto fuorchè della loro assenza di senso civico.

Oppure parliamo della spazzatura, ce la siamo presi con chiunque per i cumuli di immondizia ma poi, senza batter ciglio, in tanti di quelli che si lamentavano non hanno esitato ad approfittare della situazione per gettare nei suddetti cumuli materassi, tv, cessi, frigoriferi.

Vogliamo parlare dei parcheggi? E parliamone dai! Intano partiamo da un presupposto, nessuno li paga, tutti a scrocco nelle strisce blu; è reale il discorso che  i parcheggi a pagamento son troppi rispetto a quelli gratuiti e che a norma di legge ciò è irregolare, però  chi si lamenta di questa cosa tante volte lo fa perchè ha preso una multa e non vuole pagarla……ma caro amico se hai preso una multa  avrai contravvenuto qualche legge, magari avrai parcheggiato in divieto di sosta o nel parcheggio dei disabili, pertanto evita di  parlare di irregolarità se sei il primo fuorilegge!

Vogliamo parlare delle tasse? E parliamone, io le odio e nessuno dice che siano giuste, ma se ci sono vanno pagate e quanti effettivamente lo fanno? In quanti hanno un’attività e stampano tutti gli scontrini (alcuni commercianti delle mie parti se gli fai questa domanda ti chiederanno cosa sono gli scontrini)? In quanti pagano il canone rai? Ci si lamenta che non ci sta acqua (e questo vale anche per la Sicilia) ma sappiamo benissimo che in tanti non la pagano da tempi immemori; non venite a dirmi che non è potabile o minchiate simili, so che l’acqua che ci arriva in casa non è buona nemmeno per lavarsi e reputo l’acqua un bene primario che andrebbe distribuito gratis (cosa che io ad Abracalabria faccio, a differenza di qualcuno che un bicchiere di acqua se lo fa pagare anche 50 cent.), ma se una tassa esiste va pagata fintanto che non sarà abolita……dura lex sed lex.

Per quel che mi riguarda ci sono leggi che non condivido ed altre che ritengo giuste ma, in ogni caso, rispetto entrambe perchè non si può pensare di  seguire solo le leggi che ci piacciono o ci fanno comodo; so che non è facile ma è necessario se si vuole creare una culturà della legalità.

Vogliamo parlare del lavoro che non c’è? Grazie al cazzo (diceva zio Santuzzo), lo sappiamo tutti che la disoccupazione al sud regna sovrana e , quei pochi lavori che ci sono, sono in nero e malpagati; capisco che  chi ha una famiglia non ha scelta è pensa di dover sottostare ma, così facendo, entra a far parte del sistema quindi inutile poi lamentarsi che le cose vanno male; quando ci propongono di lavorare in nero possiamo rifiutarci, semplicemente perchè non è legale e accettando stiamo commettendo un’illegalità;  oltretutto il mondo è grande e, da quache parte, ci sarà uno straccio di lavoro per ognuno di noi……ah già! Al Reggino medio piace stare palle in mano, farsi mantenere da mamma e papà, passare dalla nonna  e recuperare il ventino domenicale e poi lamentarsi per la disoccupazione……siete dei senza palle! Si può andare altrove a lavorare, staccarsi dalla propria terra e dalle proprie radici ma tenere alto il nome della nostra amata Reggio, si può dimostrare di voler bene alla propria terra anche stando lontani; ho amici con le palle cubiche che han preso i figli e si sono trasferiti in Lussemburgo o a Malta, amici che vivono in Australia ed in America  dove si son realizzati e vivono felici e non dimenticano mai da dove sono venuti; non venite a dirmi che bisognerebbe poter scegliere dove vivere e dove lavorare perchè è una bella favoletta, sappiamo tutti che oggi non è possibile  e oltretutto se tra il realizzarsi nella vita o il restar a Reggio vince il “restare a Reggio a prescindere”……allora mi spiace per voi ma avete davvero problemi grossi.

Sempre collegandomi al lavoro, mi piace parlare un pò del volontariato…..cari amici nullafacenti, poniamo che la calamita che avete infilata su per il culo e che vi attrae  alla terra fisicamente e non vi permetta di lasciarla sia una cosa normale,  ma invece di stare giornate intere a passeggiare sul corso ed a grattarvi le palle non potete trovarvi una bella associazione di volontariato e rendervi utili alla società? Ah no giusto, il più delle volte oltre ad essere nullafacenti e ad avere la mentalità mafiosa siete anche razzisti, intolleranti ed insensibili e pertanto ve ne fottete del prossimo soprattutto se è “Negro”, “Handicappato” o”Pezzente” (e non ho usato nemmeno i peggiori termini sentiti in giro per la mia amata città).

Potrei continuare infinito, potremmo parlare di quelli che non rispettano una fila nemmeno scendesse il Signore in persona a cazziarli; possiamo parlare di quelli che quando vedono qualcosa di sbagliato aderiscono al fantastico motto “fatti i cazzi tuoi”, non rendendosi conto che anche questa è mentalità mafiosa; potremmo parlare di mille cose, ma in fondo le conosciamo tutti.

Chiudo questo mio delirio letterario così come l’ho aperto…..cari politici siete la rovina dell’Italia e io vi odio con tutto me stesso e vi vorrei  vedere con le pezze al culo….però, cari cittadini, tutti facciamo politica ogni giorno con le nostre azioni; gli antichi greci ritenevano che la politica riguardasse tutti coloro che fanno parte della società e non esclusivamente chi fa politica attiva (finalmente frequentare  il liceo classico mi è servito a qualcosa oltre a guardare le signorine!)…..pertanto a questo punto siamo tutti i politici, inde vi schifo e vi odio tutti, e delle volte, quando sbaglio, schifo ed odio anche me!

“Non sono il migliore del mondo, ma penso che nessuno sia meglio di me”

WizardPikkioQQ

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: