Professione Coach!

life_coach_med2

Ciao!

In questo articolo Ti voglio parlare della professione del coaching, nato inizialmente nello sport (eh eh visto, a non saperlo hai pensato la cosa giusta :-P) durante gli anni ottanta si è sviluppato anche in  altri ambiti, principalmente in quello aziendale; è una tecnica basata sull’ascolto profondo, sul rispetto e sull’interesse nei confronti del cliente; le linee di base del coaching si possono applicare in vari ambiti e, proprio per questo, si sta  diffondendo nei più variegati contesti.

Oggi  troviamo il Life Coach (che può applicare la tecnica in tutte le situazioni della vita), Il Business Coach, il Coach Spirituale e persino il Coach per la seduzione! Praticamente tutte queste figure applicano la tecnica appresa in diversi ambiti, nulla più e nulla meno.

Il Coaching, come vi sto anche raccontando nella mia storia, può essere online anche se ovviamente non sempre o comunque non solo, ad esempio in ambito aziendale ancora persiste la figura del coach  che fisicamente si reca in azienda, in  generale però negli altri ambiti si preferisce la tecnologia pertanto quando ad esempio si comincia un programma con un singolo cliente è  usuale svolgere le sessioni via Skype o magari attraverso altri programmi di  videochat; ci sono dei Coach che addirittura svolgono le loro sessioni al telefono o comunque prettamente via audio  perché ritengono di poter meglio cogliere le sfumature ed i toni della voce.

Io sono dell’idea che, se ci si trova nella stessa città, è preferibile vedersi di persona (e questa è una  mia convinzione che non vale solo per il coaching ma in parecchi ambiti della vita; diciamo che credo la tecnologia possa aiutare  tantissimo ad abbattere le distanze, qualora non la si voglia far diventare mezzo per aumentarle) ovviamente reputo che, qualora manchi la possibilità fisica di farlo, è accettabilissimo fare delle sessioni via Skype o simili.

Andiamo ora ad analizzare cosa serve per poter diventare un buon coach, innanzitutto è necessario avere dei talenti ed  essere inclini  all’interesse verso l’essere umano, bisogna avere  la capacità di provare forte empatia, la capacità di comunicare in modo onesto e di trasmettere partecipazione calore e sincero interesse; non pensare che prepararsi ad essere un coach sia una passeggiata, anche se vogliono fartelo credere stanno solo provando a prenderti in giro.

280_0_4030786_125022

Come in tutte le cose  bisogna fare sacrifici ed impegnarsi per raggiungere l’eccellenza, bisogna fare tante  ore di pratica e , soprattutto,  intraprendere un percorso personale che porti a provare sulla propria pelle  quali sono i benefici del coaching; qualora decidessi di intraprendere questa strada metti in conto oltre a parecchie ore di lettura, di pratica ed  un tuo percorso personale (che qualche dindino sicuramente ti costerà) anche qualche seminario di  aggiornamento ed approfondimento (anche qui dovrai investire qualche soldo oltre al tempo). Se conosci bene l’inglese, soprattutto per quel che riguarda i seminari, ti consiglio di formarti in questa lingua poiché la maggior parte del materiale  è in inglese ed oltretutto qualora dovessi in futuro avere clienti anglofoni avrai maggiore dimestichezza con la terminologia.

Allora, per partire, io ti consiglio di individuare  l’ambito nel quale Ti vuoi specializzare, quali sono i problemi che vorresti aiutare a risolvere e le persone che vorresti seguire, ovviamente una volta diventato professionista.

Bene ora siamo arrivati al punto che interessa sempre a tanti….money, money, money….parti dal presupposto che è una cosa che fai soprattutto per vocazione, devi essere fortemente motivato e  appassionato per passare del tempo con una persona che non consci e garantirgli un ascolto e dei consigli di qualità, ciò detto  un programma di coaching può costare parecchi soldi davvero;  negli USA un coach di fama (e che sicuramente non farà la fame) può chiedere anche 300 dollari a sessione, è ovvio, che agli inizi non si può e non si deve richiedere tali cifre. In generale comunque  nel mondo del coaching ci sono degli standard prefissati che non andrebbero mai superati al ribasso poichè  screditerebbero la tua professionalità e  danneggerebbero il mercato. Ogni Coach può accordarsi con il proprio cliente a seconda  di vari fattori come ad esempio la lunghezza del programma, la lunghezza delle sessioni, l’orario in cui si svolgono (se le fai di notte potresti fartele pagare qualcosa in più….anche se di solito la notte si dorme!) ed anche la disponibilità che si da  tra una sessione e l’altre.

Bene per questo articolo abbiamo finito, Ti ho semplicemente dato un’infarinatura  che magari in seguito andremo a  rafforzare ed approfondire. Ora Ti saluto augurandoti una buona serata, ovviamente anche da parte di Mignolo e del Prof Prof Prof…..nacchio!!!!

Se l’articolo ti è garbato puoi regalarmi un “Mi Piace” e magari qualche condivisione usando i tasti Social in basso…..Grazie mille!

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: