Capire le persone

capire_le_persone

Ciao!

Nell’articolo di oggi  Ti parlerò delle persone e di come capirle, o meglio  inizierò a darti un’infarinatura (si lo so, non sei una cotoletta di  tofu, è un modo di dire!) in seguito realizzerò sicuramente altri post di approfondimento.

Allora partiamo dal presupposto che, quando voglio capire una persona, di solito faccio sempre riferimento ad alcuni indizi che riesco a carpire guardandola o parlandoci; essendo però un tipo che ama andare affondo alle cose ogni volta la domanda mi sorge spontanea, sono sicuro che questi indizi mi daranno delle vere informazioni sulla persona che ho davanti?

Allora, tenendo per buono che nessuno ha il potere di leggere nella mente, le prime impressioni che ci creeremo su una persona si baseranno sicuramente sulle informazioni più accessibili; ora non  venire a dirmi che la prima cosa che noti in una persona è l’anima od il cuore perché Ti prenderai una vagonata di offese, Ti ho detto che nessuno legge nella mente, figurati nell’anima (e non ci credo che Tu sia uno sciamano, non ci provare!)……la prima cosa che notiamo in una persona è l’aspetto fisico e, più precisamente, il concetto di bello o brutto; non pensare che chi guarda l’aspetto esteriore sia una persona futile, poiché è la prima cosa che tutti notano; pensa che è persino emerso in uno studio che anche nella selezione del personale la bellezza fisica è molto importante…..certo puoi continuare a dire che Tu nelle persone non guardi l’aspetto esteriore, ma  fa attenzione, c’è molta differenza tra il dire che dopo aver conosciuto una persona non  dai eccessivo peso al suo aspetto fisico ed il dire che la prima cosa che guardi in una persona è il suo cervello (e  no, con queste mie parole non Ti sto velatamente autorizzando a guardare direttamente il seno di una bella ragazza quando la incontri…..qualcuno diceva che gli occhi parlano, non le Tette!).

Ovviamente l’aspetto fisico non è l’unica cosa che, di primo acchitto, notiamo in una persona; lo sguardo anche ci influenza parecchio  ad esempio uno sguardo diretto ci ispira fiducia mentre uno sguardo sfuggente ci rende sospettosi ed è ovvio che chi ci fissa in maniera eccessiva  può metterci a disagio rendendo il suo sguardo spiacevole (bada bene, questi sono concetti validi per la cultura occidentale, magari per altre culture o su Marte funziona diversamente :-P).

Fondamentale per formulare un giudizio è sicuramente la comunicazione non verbale, così come per lo sguardo ci sono tanti piccoli gesti che ci mettono a nostro agio, ad esempio se una persona con la quale stiamo parlando è rivolta a noi con il suo corpo la preferiremo rispetto ad uno che parlando ci da  le spalle; molto importante poi è la familiarità che abbiamo con il nostro interlocutore infatti, di norma, tenderemo a reputare più simpatica una persona che magari vediamo tutti i giorni rispetto ad un tizio visto  con meno frequenza, ed ovviamente questo non è sempre vero.

Andando a fondo nella conoscenza e chiacchierando la cosa che più ci dice di una persona è come si comporta; proprio qualche giorno fa ho fatto un test con i miei amici di Facebook (che ovviamente si sono rivelati tutti profondi, ma  anche molto scontati a dire il vero) vediamo come va con Te! Allora se io Ti dicessi che conosco un tizio vegetariano, astemio che non beve, non fuma e non fa uso di  droghe Tu cosa penseresti, è una brava persona od una cattiva persona? La maggior parte dei miei amici ha risposto che non giudica le persone da questi comportamenti….Bene cari amici  qui posso dirvelo: A) non avete capito poi molto del test B) mi dispiace per voi ma non sempre avrete la possibilità di andare a fondo nella conoscenza di una persona quindi vi potrebbe tornare utile capire determinati meccanismi che scattano nel vostro cervello e che, purtroppo per voi e come tutti d’altronde, non controllate; se tante volte vi siete ritrovati a fianco l’amica o il fidanzato sbagliato è stato proprio per la poca conoscenza di questi meccanismi e per aver dato inconsciamente peso a cose  che di quella persona poco vi dicevano…… prendete ad esempio me, chi mi conosce sa che sono una bravissimo diavolo, altruista, faccio volontariato e oltre a cercare in tutti i modi di conquistare il Mondo insieme al Mignolo ed al Prof vorrei anche salvarlo, bisogna anche dire che chi mi conosce, eccetto pochi intimi che su una mano stanno larghi e comodi, non sa nemmeno la metà di tutte le cose pessime che ho fatto in passato (questo non vuol dire che sia cattivo, ma tutti hanno degli scheletri nell’armadio…..e come si evince dal titolo del mio Blog io ormai non li tengo nemmeno nell’armadio :-P); tornando a noi ed al nostro test, se hai risposto: “madò, e che palle di vita fa questo?” Hai la mia ammirazione perché è stata la prima cosa che ho pensato anche io, se hai risposto che è una brava persona (cosa che tendenzialmente fa il 90% del mondo, eccetto chi conosce il tizio in questione o chi odia i vegetariani) hai fatto quello che in psicologia sociale è chiamato errore fondamentale di attribuzione, infatti il tipo descritto su era Hitler (che tanto buono non mi sembra davvero).

be55a11726b2ee50488d578f19c26a972050

L’errore fondamentale di attribuzione consiste nel supporre che determinati comportamenti riflettano le caratteristiche interne della persona che abbiamo davanti (se ci pensate però nessuno vieta ad un seral killer di essere vegetariano ed astemio, magari è un assassino seriale salutista che ne sai?), in ogni caso dopo tutte queste mie chiacchiere avrai capito che tante volte le prime impressioni che abbiamo sono quantomeno fuorvianti.

A questo punti mi chiederai:  ma come faccio allora a conoscere veramente una persona? (ti direi, chiacchieraci ma non è molto scientifico e professionale :-P) Puoi provare a conoscere veramente chi hai davanti attraverso l’elaborazione sistematica; per elaborare sistematicamente ti servono la motivazione e la capacità di elaborazione; la motivazione è dovuta a diversi fattori ad esempio un  personal trainer è motivato a conoscere a fondo il suo cliente perché grazie a questo può creare un migliore piano di lavoro per lui; la capacità di elaborazione è invece dovuta al tempo che abbiamo a disposizione ed alle distrazioni circostanti.

A questo punto nasce spontanea un’altra domanda, cosa succede quando l’elaborazione superficiale e quella sistematica entrano in conflitto? (ah, a Te è nata spontane un’altra domanda, quando andiamo a pranzare? aspetta dai, ho quesi terminato! :-P) Di solito commettiamo un altro errore chiamato errore di persistenza quindi piuttosto che cambiare la nostra visione portiamo avanti le nostre convinzioni, beh diciamo che sull’esempio di Hitler è davvero impossibile perseverare nello sbaglio ma lui è davvero un caso raro di Testa di cazzo forever (si, lo so, sono stato buono ma non voglio esagerare visto che poi magari mi censurano ed oltretutto non vorrei mi leggesse qualche adolescente, o meglio, mi piacerebbe mi leggesse ma non voglio esser troppo di cattivo esempio :-P), questo errore è dato da quello che in psicologia sociale è chiamato effetto di priorità  che consiste nel dare maggiore importanza all’informazione che ci è giunta per prima,  ovviamente questo non significa che una volta creata un’impressione  è impossibile cambiarla solo che è un procedimento difficile e tante volte risulta anche parziale a causa di quello che è chiamato principio dell’accessibilità  che non è altro che la forza che ha un’informazione di venirci in mente pertanto più un’informazione è accessibile più sarà difficile cambiare le nostre convinzioni ciò comporta che, anche quando saremo riusciti a cambiare opinione, l’informazione precedente non verrà cancellata  quindi basterà un piccola passo falso per far riemergere l’errata convinzione che ci eravamo creati.

Infine, prima di andare a fare la pappa, Ti voglio parlare della  profezia che si autoavvera (no niente magia, vedi che non sei uno sciamano confondi la psicologia con le arti magiche! :-P) che  consiste in questo: se noi pensiamo che una persona è in un certo modo, alla fine, in seguito ai nostri comportamenti, quella persona sarà come noi abbiamo pensato; badate bene, non vuol dire che hai fatto una giusta valutazione infatti se leggi bene  ho scritto “in seguito ai nostri comportamenti” il che significa che, se pensiamo che un tizio sia antipatico, tante volte ci comporteremo in modo  talmente scorbutico da farlo davvero reagire in maniera antipatica anche se lui in realtà è un simpaticone! Da questo deriva il nome “Profezia che  si autoavvera”  io penso una cosa e mi comporto in modo tale che quella cosa risulti vera…..anche quando non lo è!

Allora dulcis in fundo cosa possiamo trarre da questo articolo? Innanzitutto, prima di formulare un giudizio è bene raccogliere più informazioni possibile su chi si ha davanti poichè, una volta fatta la tua idea,  difficilmente la cambierai;  di conseguenza, se vuoi piacere ad una persona,e  pertanto ora sei Tu quello passibile di giudizio, cerca di fare una bella impressione fin da subito, altrimenti…….sei fregato!

Bene ora possiamo andarcene a pranzare, buona pappa a tutti da me Il Mignolo ed il Prof!

Se l’articolo Ti è piaciuto regalami un bel pollicione in su e magari qualche condivisione attraverso i tasti social in basso…..grazie mille!!!

“Non sono il migliore del mondo, ma penso che nessuno sia meglio di me”

Pikkio(QQ) Vanitoso

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: un TAG タグ: 3canzoni, 3storie, 3immagini – fruttidiboscoblog
  2. Dirigente di Famiglia
    Set 06, 2016 @ 15:15:52

    Ti invito a leggere attentamente “l’uomo di superficie”dello psichiatra Vittorino Andreoli. Buon pomeriggio!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: